Working Holiday Visa per l’Australia

Il Working Holiday Visa (subclass 417) è un visto australiano della durata di un anno che permette a chi lo possiede di lavorare in Australia legalmente. E’ possibile rinnovare il visto per un secondo anno se si rispettano alcune condizioni. L’intento di questo visto è quello di permettere ai giovani di diverse nazionalità di venire in Australia per viaggiare, scoprire il continente e pagarsi le spese lavorando, spesso ricoprendo quei ruoli lavorativi temporanei come camerieri, raccolta frutta etc…

Chi viene qui con un Working Holiday Visa viene chiamato “backpacker“, “colui che ha lo zaino in spalla” e solitamente le condizioni di viaggio sono quelle classiche dei giovani squattrinati all’avventura e quindi pochi soldi, ostelli, furgoncini scassati che non si capisce come fanno ad andare avanti, docce limitate o totalmente assenti, vestiti bucati, fisici distrutti dal lavoro nei campi (provare per credere) etc…Quello che hai in cambio però vale tutto questo!

Da Dove Farlo, Come, Entro Quando Partire

Quando richiedete il Working Holiday Visa per la prima volta dovete essere fuori dall’Australia, mentre se fate richiesta del rinnovo per il secondo anno potete farlo anche da qui. Potete richiederlo ONLINE nel sito dell’immigrazione (link in fondo all’articolo) e in linea generale non vi servirà granchè come documentazione, solo un passaporto con validità residua di almeno 6 mesi. Dal momento in cui viene approvato (solitamente l’immigrazione ci impiega da pochi giorni fino a qualche settimana per farvi sapere qualcosa), il Working Holiday Visa ha validità un anno: se non partite in tempo scadrà.

Nel caso in cui, dopo aver ottenuto il WHV, vi accorgiate che non lo userete entro l’anno, potreste chiederne la cancellazione al dipartimento di immigrazione. Solitamente la cancellazione viene approvata quando richiedete un altro tipo di visto fuori dall’Australia, per esempio uno STUDENT VISA, e non volete entrare nel paese rischiando di risultare sotto WHV e non poterlo più chiedere in futuro. Potrebbero accettare di cancellarvelo anche se non chiedete un altro visto, ma questa è una cosa sulla quale non sono per niente sicura. Per sicurezza, se rientrate in questo caso, contattate il dipartimento via email e chiedete direttamente a loro.

Regole principali del Working Holiday Visa

Si può usufruire del Working Holiday Visa una sola volta nella vita (escluso il suo eventuale rinnovo). Potete LAVORARE full-time o part-time a vostra scelta e se volete anche per tutti i 365 giorni ma con lo stesso datore di lavoro solamente per un massimo di 6 mesi consecutivi (ci sono eccezioni a questa regola, per info trovate il link ad un articolo che ho scritto in fondo a questo post). Avete anche la possibilità di STUDIARE, ma solo per un massimo di 4 mesi.

LEGGI ANCHE:  WHV: 1 Dicembre 2015, la paga deve rispettare la media del settore

Chi Può Farlo

Potete fare l’application per il Working Holiday Visa 417 se:

  • siete tra i 18 anni compiuti e i 31 non compiuti
  • siete realmente intenzionati a venire in Australia per un soggiorno di lavoro-vacanza
  • avete abbastanza soldi per coprire le spese durante il vostro soggiorno (lo spiego più avanti)
  • avete abbastanza soldi per comprare un biglietto di ritorno o avete un biglietto con data di ritorno aperta (anche questo lo spiego più avanti)
  • non sarete accompagnati da alcun figlio dipendente in nessun momento del vostro soggiorno sotto Working Holiday Visa (non è possibile far rientrare sotto la propria application né figli né famigliari a carico)
  • non siete mai entrati in Australia con un Work and Holiday Visa 462 (un altro tipo di WHV per i cittadini di alcuni paesi )
  • avete un passaporto valido di uno dei seguenti paesi: Belgium, Canada, Republic of Cyprus, Denmark, Estonia, Finland, France, Germany, Hong Kong, Republic of Ireland, Italy, Japan, Republic of Korea, Malta, Netherlands, Norway, Sweden, Taiwan, United Kingdom.

Limite di età del Working Holiday Visa

Per potere richiedere sia il primo che il secondo Working Holiday Visa NON dovete aver compiuto i 31 anni di età al momento dell’inoltro dell’applicazione. La data in cui inoltrate il modulo di richiesta del visto è quella che farà fede, indipendentemente dal fatto che l’approvazione del visto arrivi dopo il compimento del vostro 31esimo anno di età.

Costo

Il costo del Working Holiday Visa è di 440 AUD. Se rinnovate il visto per il secondo anno, dovrete pagare una seconda volta.

Durata / Zone Regionali / Rinnovo del Working Holiday Visa

Da quando entrate in Australia il Working Holiday Visa ha durata un anno. Se nell’arco di questo periodo lavorate per un minimo di 3 mesi (88 giorni) anche non consecutivi in un’area riconosciuta come regionale, avete la possibilità di rinnovarlo per un secondo anno. Non è obbligatorio lavorare tutti e tre i mesi con lo stesso datore di lavoro e il lavoro che svolgete nella zona regionale deve rientrare in determinati settori. Per sapere di più sui lavori specifici potete leggere questo articolo che ho scritto.

Molte persone sono convinte che si debba per forza lavorare nelle aziende agricole per poter rinnovare il WHV, ma non è affatto vero! Nella pagina del visto Working Holiday Visa del sito dell’immigrazione sono elencati tutti i lavori dei diversi settori. Per sapere se una zona è considerata regionale o no basta guardare sempre nel sito dell’immigrazione, pagina del 417 visa: troverete l’elenco dei codici postali delle zone a bassa crescita di popolazione. Se siete interessati ai lavori nelle farms guardate gli Harvest Jobs, sul sito c’è anche una guida .pdf scaricabile. Quando sarete sotto il secondo Working Holiday Visa potrete lavorare nuovamente per il datore per cui avete già lavorato. Le regola dei 6 mesi massimi con lo stesso datore è a singolo visto, quindi i mesi si azzerano nel momento in cui inizia il secondo Working Holiday Visa.

Quando richiedere il secondo Working Holiday Visa

Si può fare la richiesta del secondo WHV prima che scada il primo oppure anche dopo e sia dall’Australia che da fuori.

Lo chiedete prima dello scadere del primo Working Holiday Visa:

  • Se siete in Australia e volete rimanere nel paese con WHV è consigliabile inoltrare l’application per il secondo visto almeno 28 giorni prima dello scadere del primo. Il processamento delle richieste del secondo WHV variano ufficialmente tra le 2 e le 6 settimane, ma possono metterci anche solo qualche giorno.
  • Se siete in Australia e inoltrate l’application ma il visto non viene approvato in tempo, passerete sotto un bridging visa che vi permetterà di rimanere in Australia legalmente finché non verrà approvato il secondo WHV.
  • Se siete in Australia e ormai il primo WHV è scaduto, allora non inoltrate l’application per il secondo WHV perché siete su suolo australiano illegalmente. Avete 28 giorni di tempo per contattare il Community Status Resolution Center e farvi aiutare ad uscire dallo stato di non residente illegale.
  • Nel caso in cui richiediate il secondo Working Holiday Visa mentre siete in Australia, potrete rimanere un totale di 24 mesi dalla data in cui siete entrati per la prima volta nel paese. Significa quindi che potete richiedere il secondo WHV anche molti mesi prima che vi scada il primo (ovviamente se rispettate le condizioni) perché esso si attiverà solamente quando finiranno i 12 mesi del primo visa.

Lo chiedete dopo lo scadere del primo WHV:

  • Se decidete di non richiedere subito il secondo WHV dovrete uscire dall’Australia entro la data di scadenza del primo WHV. Potrete richiedere il secondo quando vorrete, anche anni dopo, ma sempre entro il limite di età. Una volta che lo richiederete e vi verrà accettato, avrete sempre 12 mesi di tempo per partire e 12 mesi massimi di soggiorno in Australia.
  • Se non rinnovate subito il WHV per il secondo anno ma volete rimanere in Australia dovrete richiedere un’altra tipologia di visto, ad esempio un visto studente o se avete la possibilità un visto di sponsorizzazione. Potrete richiedere in futuro il secondo WHV direttamente dall’Australia ma sempre entro il limite di 31 anni non compiuti al momento dell’invio dell’application.
LEGGI ANCHE:  Lettera di approvazione del Working Holiday Visa

Assicurazione Medica

Grazie agli accordi stipulati tra Italia e Australia, dal momento in cui mettete piede qui con un Working Holiday Visa siete automaticamente sotto la copertura medica di Medicare per la durata di 6 mesi (ricordatevi di portarvi dietro il vostro tesserino sanitario). Se volete potete anche richiedere la tessera Medicare presso uno dei suoi centri, li trovate ovunque. Avere la tessera rende molto più semplice il processo nel caso in cui dobbiate fare una visita medica: in questo caso infatti basta mostrarla per non pagare la visita in quanto la spesa viene coperta dal governo. Nel caso contrario invece dovrete anticipare i soldi per poi recuperarli in uno dei centri Medicare. E’ comunque altamente consigliabile sottoscrivere un’assicurazione privata, soprattutto se si ha intenzione di lavorare nelle fattorie.

  • WORLD NOMADS –
    si appoggiano all’ente assicurativo Bupa, molto conosciuto e affidabile tant’è che anche siti come Lonely Planet o Nat Geo Adventure consigliano questo tipo di compagnia.
  • COLUMBUS ASSICURAZIONI –questo vi piacerà perchè è in italiano, offre assicurazioni viaggio annuali a partire da 80 € ed è sponsorizzato dai due simpaticoni di Turisti per Caso.
  • TRAVEL INSURANCE DIRECT per backpacker –
    sembra affidabile, l’unico problema è che copre massimo 182 giorni.

Ho scritto un paio di articoli che approfondiscono meglio il discorso delle assicurazioni viaggio:

Ufficio di referenza

Ultimamente molte persone mi hanno contattato riguardo a questa cosa che viene richiesta nel modulo di applicazione del Working Holiday Visa, ovvero in quale sede di ufficio potreste andare in caso di domande o problemi con il visto. In Italia non esiste un ufficio australiano che si occupa di queste cose, potete trovare gli elenchi in questa pagina e trovare quello più vicino a voi. Da quel che sembra Vienna è l’ufficio più vicino all’Italia. L’ufficio di referenza in caso di problemi non ha niente a che vedere con il discorso visite mediche. Solitamente per il rilascio del WHV non vengono richieste analisi ma in alcuni casi, a seconda delle vostre risposte nel modulo di applicazione, potrebbero chiedervi di sottoporvi ad una visita medica. In questo caso non dovrete andare fino a Vienna o chissà dove, perché in Italia esistono dei centri apposta (chiamati panel physician) che si occupano di ciò. Ci sono delle cliniche a Milano, Roma e Messina e trovate i dettagli in questa pagina del governo sotto la voce “panel physician”.

Minimo di soldi

Dal sito dell’immigrazione:

All applicants must have sufficient funds (generally AUD 5,000).

specifica perciò che per essere idonei ad ottenere un Working Holday Visa, bisogna avere “sufficient funds” che viene inteso in generale come 5000 AUD anche se più spesso (e non ufficialmente) accettano una soglia minima di 3000 AUD.

Durante l’application per il WHV bisogna dichiarare se si hanno o no questi soldi. L’eventuale verifica la possono fare quando arriverete alla dogana australiana e non quando riceveranno la vostra richiesta di visto. In diversi siti inglesi ho letto che il tipo di prove che potrebbero richiedere sono copie dell’estratto conto più recente, oppure potrebbero chiedervi di fare il login online nel sito della vostra banca, oppure ancora chiamare qualcuno a casa (come un genitore) che possa assicurare per voi (questa penso sia un po’ l’ultima risorsa nel caso non riusciate a dimostrare in altro modo).

Tante persone sono confuse riguardo alla questione del minimo di soldi da avere. Questo è quello che dice il governo, ovvero che per poter arrivare qui con WHV bisogna avere abbastanza soldi, ma in realtà non ho ancora sentito di nessuno a cui sia stato chiesto di dimostrare di avere effettivamente questi soldi, neanche a noi quando siamo partiti con Working Holiday Visa nel 2010. Perciò…è a vostro rischio e pericolo decidere di partire anche se non avete questa cifra. Se a qualcuno di voi è successo che venissero chiesti, fatemelo sapere!

Ciò non toglie che, a prescindere da quello che chiede l’immigrazione, con più soldi riuscite a partire meglio è. Non si può mai sapere come possano mettersi le cose, se farete fatica a trovare un lavoro, se andrete incontro a degli imprevisti e via dicendo. Quando mi viene chiesto con quanti soldi è meglio partire di solito suggerisco almeno 4,000 AUD, è la mia opinione personale!

Biglietto di ritorno

Sempre dall’immigrazione:

All applicants must have funds for a return or onward ticket to depart Australia (or an actual ticket).

NON viene richiesto per forza un biglietto di ritorno. Chiedono di avere abbastanza soldi per comprare un biglietto per lasciare il paese. Oppure potreste avere un biglietto aperto, quindi avete già acquistato il ritorno ma la data non è stata fissata. Anche in questo caso noi siamo arrivati con un biglietto di sola andata e non ci hanno chiesto di dimostrare nulla, ma può essere stata solo fortuna :-)

LEGGI ANCHE:  Calcolo dei giorni di lavoro per il rinnovo del Working Holiday Visa
Approfondimenti:
• Motivi per richiedere un WHVWorking Holiday Visa: miti, verità e approfondimentiWHV: lavorare più di sei mesi con lo stesso datore di lavoroPagina ufficiale sito dell'immigrazione - Dipartimento di immigrazione
Condividi se ti è stato utile!

441 thoughts on “Working Holiday Visa per l’Australia”

  1. Pingback: Passaggi per emigrare permanentemente in Australia
  2. Trackback: Passaggi per emigrare permanentemente in Australia
  3. Pingback: First home in Australia - Blog di Vivere in Australia
  4. Trackback: First home in Australia - Blog di Vivere in Australia
  5. Pingback: First home in Australia - Community di Vivere in Australia
  6. Trackback: First home in Australia - Community di Vivere in Australia

Comments are closed.