In quale città d’Australia arrivare?

Hello,

questa volta il post nasce perchè ho fatto il primo video “discussione” su youtube assieme a Mr Big e l’argomento trattato è appunto in quale città australiana consigliamo di arrivare.

Ho pensato di farne una versione scritta, per quelli di voi che non vogliono vedere le nostre facce (ma come…???) o che non hanno capito granchè di quello che abbiamo detto.
Ricordate che queste sono le mie opinioni, altre persone potrebbero non essere d’accordo con me, perciò non prendetele come legge ma usatele come spunto per riflettere e costruirvi un’idea di come sono le cose.

Come accenno all’inizio del video, l’Australia è molto grande ma le città che la popolano si contano su una mano, o quasi. Prego osservare attentamente la cartina per accorgersene.

Stati australiani

Abbiamo nominato le città più conosciute e quelle dove la maggior parte della gente pensa di voler atterrare, e in ordine di grandezza esse sono:

  • Sydney
  • Melbourne
  • Brisbane
  • Perth
  • Adelaide

Quelle meno conosciute sono Darwin, Canberra e Hobart, in Tasmania. Eh sì, per chi non lo sapesse la Tasmania è uno stato dell’Australia. A proposito, se volete una lezioncina di geografia potete dare una sbirciata alla pagina Continente nella sezione Emigrare.

Procediamo con ordine, mi baserò su quello che abbiamo detto durante la discussione.

Considerazioni generali

Innanzitutto ogni città australiana è unica, particolare e ognuna offre diverse opportunità. È difficile suggerire dove arrivare! A parer mio dovreste tenere in considerazione il periodo in cui avete intenzione di atterrare. Informatevi sul clima, soprattutto se avete intenzione di lavorare nel settore del turismo: non è il caso di arrivare durante l’inverno e pretendere di trovare lavoro come insegnante di scuba diving, giusto?

Bisognerebbe poi valutare il motivo per cui arrivate in Australia: è solo per fare un anno sabbatico con un WHV oppure avete intenzione, come abbiamo fatto noi, di non tornare mai più in Italia?

Se fate parte del primo gruppo allora immagino che abbiate anche intenzione di viaggiare per tutto il continente e visitare il più possibile, scegliete perciò in relazione a dove potete trovare più facilmente lavoretti temporanei, magari nel settore turistico o nelle farm, e quindi (di nuovo) studiatevi bene il clima. Come faceva notare Mr Big, nel Manuale di sopravvivenza del WHV che ho scritto ci sono specificati i periodi migliori per ogni stato, soprattutto per quanto riguarda la raccolta frutta.

Se siete nel secondo gruppo allora le descrizioni delle singole città qui sotto potrebbero aiutarvi un po’, in base al lavoro che cerchereste.

Infine, una cosa che mi è venuta in mente mentre facevamo il video, potreste pensare di non fissarvi su una città in particolare ma essere pronti a proporvi per andare a lavorare in una zona regionale. Non mi sto rivolgendo solo a chi ha il WHV e vuole rinnovare il proprio visto per il secondo anno, parlo anche a tutti gli altri: pochissime persone sono disposte ad andare nelle aree meno popolate perciò avreste meno competizione e più probabilità di trovare un lavoro e magari anche una sponsorizzazione. Pensateci!

Sydney

SydneyBellissima, magnifica, dinamica, multiculturale. La metropoli dove sono atterrata e dove non mi dispiacerebbe affatto tornare per viverci un po’. È la città d’Australia più conosciuta in tutto il mondo ed è proprio questo il problema: tutti arrivano lì. Al contempo però essendo così grande offre anche molte opportunità di lavoro, non solo a livello di numero ma anche a livello di tipologia di lavoro.

LEGGI ANCHE:  Kings Park, Perth

La competizione è ovviamente più alta ma è anche più facile incontrare altri italiani (cosa che però può non piacere a tutti) e perciò grazie al passaparola e ai contatti le probabilità di trovare un lavoro potrebbero aumentare. Insomma, le cose negative potrebbero anche essere viste come positive.

Melbourne

MelbourneUn’altra bellissima città con due principali caratteristiche che la contraddistinguono: ricorda molto una città europea e ha un clima allucinante.

Per quanto riguarda la prima caratteristica potrebbe essere confortante per alcuni di voi il pensiero di arrivare in un posto che ricorda l’Europa. I piccoli caffè, le viette, gli edifici, i tram possono aiutarvi a farvi sentire più a vostro agio in questa città.

La seconda caratteristica, il tempo pazzo, non la vedo tanto come una cosa positiva. Beh, c’è a chi può piacere affrontare 4 stagioni in un giorno, ma personalmente non mi sento parte di questo gruppo di persone.

Trovo che Melbourne sia una città molto eclettica, un po’ come la Berlino d’Australia. Per questo mi sento di consigliarla più per quelle persone che lavorano nel settore grafico/design/web/artistico. Ci sono parecchie offerte di lavoro in questi settori e sono anche parecchio variegate.

Brisbane

BrisbaneBrisbane è la classica città dal clima tropicale: acquazzoni improvvisi, caldo, umido, palme e mare.

Essendo nel Queensland, ed essendo questo stato un punto focale per la raccolta frutta, potreste pensare di arrivare qui nel caso in cui siate interessati al lavoro nelle farm. Inoltre il turismo del Queensland credo sia uno dei più importanti di tutto il continente perciò se volete lavorare come tour operator, baristi, cuochi, camerieri, l’idea di atterrare a Brisbane potrebbe essere quella giusta, a seconda però del periodo in cui arrivate: se è durante la stagione delle pioggie allora non pensate di trovare granché!

Perth

PerthChe dire, vivo qui da tre anni e mezzo e mi sorprendo ancora di questa città. È in continua evoluzione, è quella che sta crescendo di più in tutta Australia. Questo significa che c’è un sacco di potenziale: nuovi locali e ristoranti che aprono, e perciò richiesta di personale in questo settore, un sacco di nuove infrastrutture, case e palazzi e quindi chiunque sia nel settore delle costruzioni può avere buone possibilità di trovare qualcosa che faccia al caso proprio. E poi è la città con più giorni di sole all’anno, cosa da non sottovalutare.

Molte persone associano ancora Perth con le miniere però mi dispiace avvisarvi che ormai il boom c’è stato ed anche già passato, la situazione ora è un pochino diversa. Non pensate quindi di arrivare qui e fare i milioni scavando tunnel in mezzo al Western Australia.

Adelaide

Abbiamo così tanta conoscenza su Adelaide che non ne abbiamo neppure parlato nel video (leggere con ironia).

Personalmente è la città che meno mi ha colpito tra tutte quelle che ho visitato. Credo però che abbia moltissimo potenziale, soprattutto perchè non è una meta molto conosciuta tra chi emigra e vuole ricominciare (backpackers compresi) quindi penso ci sia meno competizione tra immigrati e più possibilità di risaltare e trovare un lavoro che non sia una toccata e fuga.

Se abitate ad Adelaide vi prego, datemi la vostra opinione nei commenti qui sotto, sono curiosa di leggere cosa ne pensa chi ci vive!

LEGGI ANCHE:  Be changed

Il video

Conclusioni

Opinione personale: non fatevi troppe domande prima di partire. Scegliete una città in base a quello che pensiate sia più giusto per voi senza preoccuparvi troppo e partite.

Potrei dirvi che qui a Perth è facile trovare lavoro e che assumono facilmente ma non è detto che capiti anche a voi. Ognuno di noi ha il proprio percorso, le proprie capacità, il proprio livello di inglese e di adattamento.

Fate la vostra di storia, non basatevi su quella degli altri.

Francesca

40 thoughts on “In quale città d’Australia arrivare?”

Comments are closed.