Cambiamenti al Working Holiday Visa 2016/2017

Questo articolo è in continua fase di aggiornamento, tra proposte e approvazioni delle nuove regole. Indicherò quando si tratta solo di una proposta e quando invece la decisione è definitiva. I link alle comunicazioni ufficiali e ad articoli di giornale li trovate in fondo al post.

Tasse – Backpacker Tax

Prima proposta: far pagare il 32.5% di tasse sin dal primo dollaro guadagnato.

Seconda proposta: far pagare il 19% di tasse dal primo dollaro messo in tasca.

Decisione definitiva: il 1° Dicembre 2016 il governo ha finalmente raggiunto una decisione finale, la backpacker tax ha passato il Senato. Chiunque sia con Working Holiday Visa dovrà pagare il 15% di tasse sin dal primo dollaro guadagnato a partire da Gennaio 2017. Questa tassazione è valida per i primi 37.000 dollari guadagnati, superata questa cifra la tassazione seguirà le normali fasce che potete trovare nella pagina Tax File Number e tasse in Australia: come dichiararle.

Superannuation

Le cose non sono rosee: se siete stati qui con Working Holiday Visa, lasciate l’Australia e richiedete la vostra superannuation, essa verrà tassata molto più di prima. La logica dietro a questa scelta è che secondo il governo se lasciate l’Australia non avete bisogno della pensione australiana.

Prima proposta – superannuation tassata al 95%. Praticamente non vi rimane nulla.

Decisione definitiva: anche in questo caso la decisione ha passato il Senato il 1° Dicembre 2016, la superannuation verrà tassata al 65% nel caso in cui si decida di richiederla. Questo a partire da Luglio 2017.

Età massima

E’ stato proposto di aumentare l’età massima per poter richiedere il Working Holiday Visa da 30 a 35 anni. Il dipartimento non ha ancora deciso quando e sotto quali condizioni avverrà il cambiamento, questo è l’annuncio che al momento attuale si trova nel sito del dipartimento, pagina del Working Holiday Visa:

Il Governo sta considerando diverse opzioni per estendere l’età massima di eleggibilità da 30 a 35, comprese le tempistiche, i requisiti legislativi e gli impegni con i paesi partner. La reciprocità degli accordi per i cittadini australiani rimane un punto fondamentale del programma. L’attuale età di eleggibilità (18 a 30) rimarrà per il momento in vigore.

Costo del visto

Proposta da far partire il 1° Luglio 2017 – è stato proposto un abbassamento del costo del visto, da 440 dollari a 390. Poco ma meglio di niente, considerando che di solito il costo aumenta invece che diminuire.

Lavorare più di sei mesi con lo stesso datore

Proposta da far partire il 1° Luglio 2017 – Vogliono far diventare le cose più flessibili, e un primo passo c’era già stato con l’introduzione di alcune eccezioni alla regola, ne ho parlato in questo articolo “WHV: lavorare più di sei mesi con lo stesso datore di lavoro“.

I datori di lavoro che hanno la propria azienda/compagnia/uffici/farm etc… in diverse aree d’Australia, potranno assumere per più di sei mesi un backpacker a patto che i sei mesi in più siano in una zona diversa rispetto ai primi sei.

 

Approfondimenti
- Media release - Better working holiday maker tax arrangements
- Intervista - Better working holiday maker tax arrangements
- Articolo ABC News - Backpacker tax e superannuation, decisione definitiva

39 thoughts on “Cambiamenti al Working Holiday Visa 2016/2017”

Comments are closed.