YEAH! Il Manuale di Sopravvivenza Working Holiday Visa Australia è stato completamente aggiornato, tanti nuovi capitoli, testi più completi, un nuovo design e copertina. Scoprilo qui :-)

In più

Nuovo sistema student visa – Luglio 2016

student visaCome promesso a molti, finalmente ecco l’articolo sui cambiamenti al sistema degli student visa in Australia.

Perché queste modifiche al sistema? In sintesi:

  • per assicurarsi che chi richiede un visto studente per l’Australia lo faccia perché ha il GENUINO intento di venire a studiare e non perché vuole solo la scusa per essere qui e nel frattempo trovare uno sponsor o un altro modo per rimanere più a lungo
  • per spronare gli istituti scolastici a rimanere conformi alle regole del dipartimento di immigrazione
  • per semplificare il sistema – ora viene chiamato Simplified Student Visa Framework, SSVF, che sembra più la sigla di una malattia contagiosa piuttosto che quello di un nuovo sistema di regolazione immigratoria

GTE –  ovvero il requisito di “reale ingresso temporaneo”

Partiamo dal primo punto della lista. Questo è un requisito che in realtà esisteva già prima ma con il nuovo sistema in vigore dal 1° Luglio 2016 la sua verifica è stata intensificata. In inglese si definisce come Genuine Temporary Entrant requirement (GTE) ed è il requisito di reale ingresso temporaneo, ovvero dovete essere intenzionati ad entrare in Australia con visto studente solo temporaneamente e non perché volete rimanere qui a tempo indeterminato. Lo student visa infatti non è un visto per emigrare ma solo per studiare.

Secondo il sito dell’immigrazione, nel valutare il vostro GTE verranno presi in considerazione i seguenti fattori:

  • le vostre circostanze personali
  • la vostra storia di immigrazione
  • qualsiasi altra cosa rilevante alla richiesta del visto
  • se minori di 18, le intenzioni dei vostri genitori o guardiani legali

Il GTE è un mezzo molto utile per aiutare ad identificare quelle persone che vogliono usare lo student visa per motivi al di fuori dell’ottenimento di un qualifica australiana. Il modulo di richiesta del visto (che ora si può fare esclusivamente online) riflette in pieno questo nuovo criterio di genuinità.

Secondo il sito SBS Italian, diversi futuri studenti che hanno iniziato a compilare il modulo di richiesta del visto studente si sono accorti di quanto sia più complicato rispetto a prima. Queste alcune cose che vengono chieste:

  • dati personali
  • informazioni sul corso che si vuole frequentare
  • tutto il vostro percorso educativo e di formazione compiuto fino al momento di richiesta del visto studente (comprese scuola secondaria e terziaria)
  • tutte le esperienze lavorative dalla scuola secondaria in poi
  • tutti i viaggi negli ultimi 10 anni, comprese brevi vacanze anche in paesi europei
  • quanti soldi avete e a quale banca vi appoggiate
  • dettagli di tutti i famigliari, compresi genitori, fratelli e sorelle
  • motivazioni del perché si vuole studiare in Australia
  • incentivi per tornare nel proprio paese

Come potete notare le domande sono mirate ad avere un quadro generale del vostro passato e delle vostre intenzioni. Dalle risposte è sicuramente più facile per l’immigrazione capire chi sta applicando perché vuole effettivamente seguire un percorso educativo in Australia e chi invece lo utilizza come scusa per atterrare qui e poi provare a rimanere permanentemente.

Se per esempio siete ingegneri civili e vi iscrivete ad un corso di cucina, questo farà automaticamente scattare un campanello d’allarme. Idem se risultate disoccupati da mesi.

Consiglio: quando compilate l’application per qualsiasi visto (compreso quello studente), le informazioni che date sono considerate come ufficiali. E’ importante essere precisi e non generici e salvarsi una copia dell’application in modo da avere sottomano tutto quello che avete dichiarato in caso dobbiate applicare in futuro per un altro visto e dare nuovamente le stesse informazioni. Qualsiasi incongruenza potrebbe diventare motivo di rifiuto del nuovo visto.

Domanda che scommetto vi state facendo:

ma mi chiedono delle prove a sostegno di quello che dichiaro nel modulo per lo student visa?

Dipende. E per capire cosa intendo dovete continuare a leggere :-)

Eliminazione dell’Assessment Level Framework – importanza dell’istituto scolastico

Parliamo ora del secondo punto della lista. Prima esisteva un sistema di valutazione di rischio di uno studente (Assessment Level Framework) che era suddiviso in tre livelli: AL1, AL2 e AL3. Il livello 1 era considerato il meno “pericoloso” e comportava una maggiore facilità e velocità nell’ottenimento dello student visa. Il 3° livello era il più pericoloso e comportava il dover fornire parecchia documentazione a sostegno dell’application.

Questo sistema era basato unicamente sulla nazionalità del richiedente, perciò in base al paese veniva determinato il livello di prove richieste per dimostrare la propria disponibilità finanziaria, il proprio livello di inglese e il proprio passato accademico. L’Italia faceva parte dell’assessment level 1, quindi era considerato un paese a basso rischio per l’immigrazione. Per questo era facile e veloce richiedere e ottenere uno student visa per noi italiani (ci sono eccezioni ovviamente, ad esempio se l’applicante aveva superato una certa età e/o era accompagnato da partner e/o figli veniva richiesta documentazione in più a prescindere dal fatto che fosse di un paese a basso rischio).

Ora, cosa usa il dipartimento per valutare il rischio di un richiedente? Due metri di valutazione:

  • la NAZIONALITA’ (quindi esattamente come prima)
  • l’ISTITUTO SCOLASTICO dove lo studente si vuole iscrivere
LEGGI ANCHE:  Quando viene rifiutata la richiesta di un visto

Quest’ultimo punto è una grossa novità perché in base a dove ci si vuole iscrivere e alla “reputazione” (chiamiamola così) della scuola, potreste ritrovarvi, a prescindere dal fatto che siete italiani o di un paese a basso rischio, a dover fornire determinate prove.

Spiego meglio. Questa è una tabella che dovrebbe aiutarvi a capire il concetto.

RISCHIO NAZIONALITA’
BassoMedioAlto
RISCHIO ISTITUTOBassoRequisiti minimiRequisiti minimiRequisiti minimi
MedioRequisiti minimiRequisiti minimiRequisiti minimi + inglese + finanziari
AltoRequisiti minimiRequisiti minimi + inglese + finanziariRequisiti minimi + inglese + finanziari

Ci sono tre livelli di rischio, basso medio e alto sia per la nazionalità che per l’istituto. In base alla combinazione nazionalità-istituto il dipartimento valuta quale requisiti dovete rispettare e perciò quanta documentazione a sostegno della vostra application dovrete fornire.

Il dipartimento NON renderà noto il livello di rischio sia per la nazionalità che per la scuola, ma si presume che l’Italia sia ancora considerata a basso rischio (almeno per adesso). Inoltre i livelli di rischio verranno rivalutati ogni sei mesi, in base al numero di visti rifiutati o cancellati a studenti di determinate nazionalità ed iscritti in determinati istituti scolastici.

Significa che se gli studenti di una determinata nazionalità considerata a basso rischio iniziano a vedersi rifiutati o cancellati i propri visti studente, ad esempio perché nelle loro application risulta che non soddisfano il requisito di GTE e non hanno il reale intento di stare temporaneamente in Australia per studiare, il paese potrebbe vedersi aumentare il proprio livello di rischio.

Per quanto riguarda l’istituto scolastico: ogni scuola è responsabile di dover verificare che i futuri studenti rispettino i requisiti accademici, di inglese e finanziari. Se non lo fanno, questo potrebbe portare ad un minor numero di visti studenti rilasciati per il determinato istituto finanziario e a far alzare il livello di rischio per lo stesso. Significa meno studenti iscritti. Per questo con il nuovo sistema si ritiene che ogni istituto scolastico farà il possibile per assicurarsi di seguire le regole del dipartimento, in modo da mantenere il proprio livello di rischio il più basso possibile e avere un buon flusso di iscrizioni.

Supponiamo siate di nazionalità a medio rischio ma la scuola dove vi iscrivete è considerata ad alto rischio (cosa che voi non potete sapere con certezza). In questo caso oltre ai requisiti minimi dovrete anche soddisfare i requisiti di livello di inglese e quelli finanziari.

Requisiti Minimi:

  • dovete soddisfare il GTE (spiegato prima)
  • dovete aver ottenuto la conferma di iscrizione da parte della scuola (confirmation of enrolment)
  • dovete soddisfare i requisiti di salute e buona condotta
  • dovete avere l’assicurazione medica privata per studenti (OSHC)

Requisiti di Inglese:

Il livello di inglese richiesto varia se vi state iscrivendo ad un corso che comprende anche un corso di inglese preparatorio ELICOS oppure no.

  • punteggio minimo medio IELTS = 5.5
  • se corso preparatorio di inglese di 10 settimane, livello medio IELTS di 5
  • se corso preparatorio di inglese di 20 settimane, livello medio IELTS di 4.5

Vi faccio un’altra tabella per farvi vedere anche i punteggi degli altri test accettati oltre allo IELTS.

TESTPunteggiocon 10 settimane ELICOScon 20 settimane ELICOS
IELTS5.554.5
TOEFL iBT463532
CAE162154147
PTE423630
OETBBB

 

Requisiti finanziari:

Se NON siete considerati a basso rischio di immigrazione dovrete fornire prove della vostra disponibilità finanziaria per coprire i seguenti:

  • spese di viaggio
  • costo della vita per i primi 12 mesi in Australia
  • costo del corso per i primi 12 mesi di studio

Il costo della vita è identificato con le seguenti cifre (per un periodo di 12 mesi)

  • 19.830 – applicante primario (lo studente)
  • 6.940 – partner
  • 2.970 – per ciascun figlio a carico
  • 8.000 – costo della scuola per ciascun figlio a carico in età scolare

Prove accettate possono essere depositi bancari, prestiti da parte di una banca o del governo, borse di studio.

A differenza del vecchio sistema non c’è nessuna restrizione su chi può provvedere al vostro supporto finanziario.

Se non riuscite a dimostrare di poter coprire le spese di viaggio e il costo della vita per 12 mesi, avete un’altra opzione: potete dimostrare l’annual income, ovvero lo stipendio annuale. Esso deve essere di almeno 60.000 dollari australiani (oggi, 19 Luglio 2016, corrispondono a circa 40.700 euro). Se siete accompagnati da partner e/o figli a carico la cifra sale a AUD 70.000.

Lo stipendio da dimostrare deve essere del vostro partner (che non viene con voi) o dei vostri genitori e deve essere degli ultimi 12 mesi. Se entrambi i vostri genitori lavorano potete fare la somma dei loro stipendi per raggiungere la soglia dei 60.000 dollari. Le prove richieste devono essere documenti ufficiali governativi, ad esempio la dichiarazione delle tasse. Prove come estratti conto non sono considerate valide.

Il sistema è più semplice

Se prima esistevano 8 categorie di visto studente adesso ne esistono solo due (anche se in realtà il vero e proprio visto studente è solo uno):

  • Student Visa subclass 500 – il vero e proprio visto studente
  • Student Guardian subclass 590 – il visto per chiunque accompagni uno studente internazionale in Australia minore di 18 anni
LEGGI ANCHE:  Agenti di Immigrazione

Come vedete se volete iscrivervi ad un corso di studi dovrete applicare per un visto studente subclass 500, la seconda categoria è solo per chi accompagna un minorenne sotto student visa.

In sostanza qualsiasi corso decidiate di seguire, che sia un corso base di inglese, un advanced diploma, una laurea o un master, il visto da richiedere sarà sempre lo Student Visa 500.

La condizione 8202

Se prima sotto student visa era possibile cambiare corso e passare ad uno di livello inferiore, con la nuova regolamentazione è stata modificata la cosiddetta “condition 8202 Maintain Enrolment” che ora impedisce ad uno studente di passare ad un corso di livello inferiore rispetto a quello a cui si è iscritto.

Ad esempio un Advanced Diploma è ad un livello 6 dell’AQF (Australian Qualification Framework). Lo studente potrà seguire un corso di livello 6 o superiore, se passasse ad esempio ad un Certificate IV (livello 4 dell’AQF), sarebbe in violazione della condizione 8202 del visto studente e il visto verrebbe sospeso.

Quali documenti/prove mi servono per lo student visa?

Basandovi solo sulla nazionalità e sull’istituto scolastico dove volete iscrivervi, potete usare il sistema online che il dipartimento ha messo a disposizione, il Document Checklist Tool. Inserendo la vostra nazionalità e la scuola dove vi volete iscrivere potrete avere un’idea dei requisiti (e quindi dei documenti) che dovrete allegare con la vostra application. Tramite questo sistema online potrete quindi verificare se avete necessità di fornire prove del vostro livello di inglese o della vostra disponibilità finanziaria, ovvero se dovete soddisfare i requisiti di inglese e finanziari oltre a quelli minimi.

Naturalmente si sta parlando solo dell’application per il visto studente. Quando vi iscrivete a scuola (cosa che avviene prima della richiesta del visto studente) dovrete comunque dimostrare alcune cose, tra cui il livello di inglese (a meno che il corso non sia appunto per imparare l’inglese).

Se il Document Checklist Tool dice che non devo dimostrare di soddisfare il livello di inglese o i requisiti finanziari vuol dire che posso stare tranquillo?

No, non direi. Leggete qui sotto per capire meglio.

Il GTE influenzerà anche gli italiani?

In my opinion? Yes. Se nelle risposte che date nell’application c’è qualcosa che stona, il dipartimento potrebbe voler approfondire e iniziare a chiedervi informazioni (e documentazione in più). Questo a prescindere da cosa vi è uscito con il Document Checklist Tool.

Supponiamo che siate degli studenti che hanno già richiesto due volte il visto studente e state applicando per il terzo, oppure avete cambiato più di una scuola o corso, oppure il corso a cui vi iscrivete non ha niente a che fare con la vostra storia educativa e lavorativa passata, oppure il fatto che vogliate far venire anche la vostra famiglia (partner e/o figli) senza motivi realmente collegabili allo studio. Ecco, queste possono essere cose che metteranno in dubbio la vostra reale intenzione di venire in Australia temporaneamente per studiare.

Anche se l’Italia per ora non è considerata un paese a rischio e magari non lo è neppure la scuola dove vi volete iscrivere, il requisito GTE è quello che potrebbe spingere l’immigrazione a chiedervi documenti, come ad esempio di mostrare i dettagli del vostro conto corrente e la vostra effettiva disponibilità economica. Se non avete i soldi o se non riuscite a dimostrare con prove reali quello che avete dichiarato nel modulo, allora la probabilità che il visto studente vi venga rifiutato è molto alta.

In conclusione

Secondo me questo nuovo sistema avrà grande effetto su chiunque voglia venire qui sotto student visa giusto per temporeggiare e nel frattempo trovare un’altra soluzione più permanente, come colpirà tutti quelli che saltavano di corso in corso senza una logica.

Sarà più difficile ottenere uno student visa? Secondo me sì, ma solo per chi l’avrebbe utilizzato nel modo sbagliato. Poi, come sempre il tempo darà le risposte. A volte l’immigrazione presenta grandi cambiamenti che terrorizzano tutti gli immigrati, “Oddio devo dimostrare di avere 16.000 dollari”, “Oh no devo far vedere tutta la mia storia educativa e lavorativa passata”, e poi in realtà le cose sono più semplici di quanto non si pensasse, soprattutto per il fatto che l’Italia per ora è un paese a basso rischio di immigrazione e anche se scegliete un istituto ad alto rischio vi verranno chiesti solo i requisiti minimi, a meno che dal modulo di richiesta visto non salti fuori qualcosa di voi che al dipartimento non suona giusto.

Ovvio, se volete fare i furbi e sapete che non usereste il visto studente per le giuste motivazioni, allora pensateci due volte prima di applicare :-D

Approfondimenti:
Genuine Temporary Entrant - sito dipartimento
Student Visa 500 - sito dipartimento
Student Guardian Visa 590 - sito dipartimento
Condizioni dello student visa - sito dipartimento
Condividi se ti è stato utile!

4 thoughts on “Nuovo sistema student visa – Luglio 2016”

  1. Diego says:

    Ciao Francesca, complimenti per il blog.
    Sapresti dirmi dopo quanto tempo si puó richiedere uno student visa se é gia stato rifiutato la prima volta?

    1. Immigrata allo Sbaraglio says:

      Ciao Diego, grazie!
      Non lo so, ma penso che se ci fosse un limite di tempo che devi rispettare te l’avrebbero indicato nella notifica di rifiuto visto. In ogni caso chiedi direttamente al dipartimento se vuoi essere sicuro al 100%.
      Good luck!

  2. Stefano Mollo says:

    Cara Francesca, ottimo post. Non fa un piega :-)

    Aggiungerei solo due cose:

    1) sottolinea che quello che scrivi non costituisce “Migration Advice” e che comunque il lettore si assume la responsabilità dell’ uso (o del mal-uso) delle informazioni da te riportate; e …
    2) in caso di coppie in cui UNO chiede il visto e il resto della famiglia segue (come secondary applicants), se uno dei membri del nucleo famigliare possiede doppia nazionalità (e si *deve* dichiarare …), viene preso in considerazione il “rischio immigrazione” anche della ulteriore altra nazionalità.

    Quindi (caso reale capitatomi da poco, e per giunta per un visto 570 (ELICOS, vecchio regime)) se un cittadino Italiano e’ coniugato con una cittadina Italo-Bulgara, viene soppesato anche il rischio immigrazione tenendo in conto la cittadinanza bulgara. Nel caso in esempio e’ stato chiesto di dimostrare li GTE. E’ stato dimostrato e quindi fra qualche settimana saranno in Australia. Ma questo perche’ era vera (Genuina) la domanda del visto e le intenzioni della persona …

    Cordiali saluti, Stefano.

    1. Immigrata allo Sbaraglio says:

      Ciao Stefano, grazie per la conferma che il post è corretto e per la tua esperienza con la nazionalità dell’applicante secondario, avevo già sentito un paio di storie simili, finite male purtroppo a differenza del tuo caso!
      In ormai 5 anni che ho questo blog non c’è mai stato nessuno che abbia frainteso l’intento del sito, ovvero un semplice raccoglitore di informazioni da me messe insieme, esattamente come moltissimi altri siti sull’Australia! Ho parecchi articoli su visti e immigrazione, invece di specificare ogni volta che quello che scrivo non costituisce “migration advice”, ho creato una pagina con i disclaimers dove specifico che non sono un agente di immigrazione :-)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *