In più

Nuova tassa per backpacker posticipata di 6 mesi

Dopo tanto sommovimento ecco la notizia che tutti i backpacker aspettavano: l’introduzione della “nuova tassa” del 32.5% a partire dal primo dollaro guadagnato verrà posticipata di 6 mesi.

La decisione è stata presa dall’attuale governo in carica a misura preventiva visto che a Luglio ci saranno le elezioni federali. Una chiara mossa politica per cercare di tener buoni gli elettori facenti parte del settore agricolo e turistico.

Il nuovo regolamento non partirà perciò dal 1° Luglio 2016 ma verrà sospeso fino a fine anno, in vista di una revisione dato il malcontento generale.

Nuove tassa per backpackerLa “nuova” tassa aveva infatti gettato nel panico farmers e operatori del settore turistico che temevano che i giovani sotto Working Holiday Visa avrebbero preferito altre destinazioni, come Nuova Zelanda o Canada, al posto dell’Australia. Dato che le loro attività ruotano attorno all’elevato turnover di backpacker, è facile capire il perché fossero preoccupati.

L’opposizione ovviamente afferma che questa decisione serve solo a posticipare il problema dopo le elezioni, ma d’altronde la politica è politica in ogni parte del mondo, anche qui in Australia.

Nonostante sia felice per tutti quei ragazzi che mi hanno scritti preoccupati per l’introduzione della “nuova tassa”, ogni volta onestamente scuoto la testa e mi chiedo come ancora non si sia capito che la tassa non è affatto nuova.

L’unica cosa che cambierà è che chiunque sia con Working Holiday Visa non potrà più dichiarasi residente ai fini fiscali ma sarà considerato in qualsiasi caso non residente ai fini fiscali e perciò pagherà le tasse dal primo dollaro guadagnato, esattamente com’è tutt’oggi. La percentuale di giovani che hanno i requisiti per dichiararsi residenti ai fini fiscali non è altissima, la maggior parte (in teoria) già paga la “nuova tassa” a partire dal primo dollaro. Dico in teoria perché so che ci sono quelli che fanno i furbi e si dichiarano residenti ai fini fiscali anche se non ne hanno i requisiti.

Avevo spiegato tutto ancora parecchi mesi fa in questo articolo “Nuove tasse per i backpacker. Ma sono davvero nuove?“. Potrete approfondire quello che ho appena spiegato brevemente.

Spero questa notizia renda felici, almeno temporaneamente, molti di voi!

Approfondimenti
Articolo in inglese nel InDaily.com.au - "Backpacker tax" postponed after the election
Articolo in inglese su abc.net.au - Election 2016: Backpacker tax delay announced
Condividi se ti ha aiutato! :-)
116
Condividi se ti ha aiutato! :-)
116

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *