In più

Il nuovo volto di Perth

8 thoughts on “Il nuovo volto di Perth”

  1. Silvio says:

    Ciao a tutti non sono mai stato in Australia per l ipotesi perth li e andata mia figlia e partita oggi ammiro ciò che ha fatto non capisco con tutti questi commenti se si sta bene ho male a perth grazie ciao

  2. Andrea says:

    (questo commento non vuole sminuire l’operato dell’autore, ne tanto meno l’impegno, semplicemente va preso come una cruda verita’ aggiunta..tiratele voi le somme)

    Sara’ anche scritto bene l’articolo, si, ma probabilmente e’ scritto fin troppo bene!
    In crescita?
    L’Australia sta vivendo uno dei periodi piu’ brutti dell’economia negli ultimi 50 anni:

    Lo stato non acquista piu’ i prodotti primari dai Farmer locali
    Le miniere sono state chiuse TUTTE

    L’economia dell’Australia (tutta) si e’ sempre basata sull’estrazione di minerali e di gas. Ora importano tutto dall’india ed altri due o tre staterelli la intorno, perche’ GLI COSA LA META’.

    Esito? famiglie australiani che per anni si sono arricchite (ed indebitate) con le miniere, si trovano senza lavoro, e col rischio di perdere la casa.

    Non voglio stare a raccontarvi tutti gli innumerevoli lati negativi di Perth, a cominciare dai forti problemi che hanno con le persone di colore, lo spaccio di droga, ed il fortissimo e sentitissimo problema degli aborigeni e-o senza tetto (solitamente sono aborigeni) che amano menare gli australiani senza alcun motivo proprio perche’ si odiano… risse all’ordine del giorno. (li posso capire, gli hanno portato via il paese, loro di diritto).

    Vogliamo parlare delle persone scompare? 99% sono Backpapaers.

    Questo sui Blog non si trova mai….

    P.s.: ATTENTI ALLE TRUFFE, ED ALLO SFRUTTAMENTO SUL LAVORO…qua ci campano da anni… sulle vs spalle ovviamente.

    Vi scrive uno che ha rinunciato allo sponsor, e torna in italia il mese prossimo!!!!

    1. Immigrata allo Sbaraglio says:

      Ciao Andrea, grazie per il commento. Ho scritto dei nuovi progetti di Perth, una città indubbiamente in crescita, non ho scritto dei lati negativi perché questo non era l’articolo adatto per farlo! Non devo convincere nessuno a venire qui, anzi…onestamente mi sta spaventando il numero di italiani che vedo (e sento) per strada ogni giorno. Cerco di dare informazioni oggettive ma che ovviamente hanno anche un minimo di soggettività. Da quello che hai scritto mi sembra evidente che le esperienze che hai vissuto tu non sono le stesse che ho vissuto io e onestamente alcune informazioni non mi sembrano corrette ma questo mi da lo spunto per fare un po’ di ricerca, approfondire alcune tue affermazioni e scriverne un articolo con link a fonti ufficiali.
      Buon rientro in Italia e grazie ancora!

      1. Andrea says:

        E’ difficile trovare fonti “ufficiali” , lo dimostra il fatto che il governo stesso, sul proprio sitoweb, non ha ancora modificato alcune regole che vigono attualmente rispetto ai nuovi Visa. L’operato di Abbott sta facendo acqua da tutte le parti, e non a caso si sposa perfettamente con quello che sta accadendo in Europa. Tutti lo criticano, ha aumentato le tasse a tutti, sta levando persino i benefit agli anziani (medicinali a costo zero, costo dimezzato su bills e mantenimento case di proprieta’ etc etc). Io leggo sui loro quotidiani solo pubblicita’ di supermercati e gli incidenti del giorno, accendo le loro televisioni, locali e non, e trovo solo programmi spazzatura, e la classica cronaca nera che faceva da padrona 20 anni fa in italia. Insomma, la disinformazione e’ a livelli spaventosi qua. Il cibo viene quasi tutto dalla cina, scarpe e abiti sembrano fatti di plastica, e cio’ nonostante hanno prezzi sbalorditivi (scarpa classica da uomo in finta pelle, in negozio cinese, 130 dollari, mentre la stessa scarpa acquistata in un supermercato italiano la paghi 29 euro). Non hanno piu’ soldi per le pensioni, lo dimostra il fatto che sino a 10 anni fa una pensione minima era 500 dollari alla settimana, ora sono 250. Gli immobili sono andati alle stelle (inspiegabilmente a mio parere), con 400 mila dollari compri una capanna che cade a pezzi. Posso dire di aver visto gran parte di questo paese, toccandolo proprio con mano, outback compreso. Le ghost town stanno crescendo a vista d’occhio… Es. Norseman, che pochi mesi orsono chiedeva carita’ sui giornali locali, e denunciava il governo. Cosa ti posso dire… a differenza di tanti io ho deciso di lasciare un lavoro da 1300 euro in italia, con diversi benefit, fidandomi delle skills e di quello che ho trovato scritto su Blog, sito del governo, e sistema bancario, ma una volta arrivato qua ho trovato tutto l’opposto, a cominciare dalle miniere chiuse! Persino i figli degli australiani, laureati, non trovano lavoro, perche’ dovrebbero darlo a noi? Dicono di avere il tasso di criminalita’ bassissimo quasi inesistente, eppure dopo le nove di sera non sei piu’ sicuro se giri in citta’ a piedi. Hanno problemi assurdi con le fasce di eta’ sotto i 10 anni, stupri, maltrattamenti, abbandono di minori, etc etc, eppure continuano a fare figli perche’ lo stato gli gonfia i sussidi. Se tiro tutte le somme, e confronto con l’italia, la nostra corruzione e la nostra delinquenza mi sembrano un sogno. In ultimo, attualmente lo sponsor ve lo dovete pagare Voi (e’ illegale, ma e’ l’unico modo per rimanere in sicurezza.. dimenticatevi categoricamente degli student visa), per essere sponsorizzati dovete raggiungere un salario lordo minimo di 70 mila dollari all’anno, e se andate a controllare quali categorie ci arrivano, e conoscete poi tutte le problematiche collegate alla ricerca di un lavoro, e le conoscenze che per forza di cosa dovete avere per essere assunti, logicamente chiunque capirebbe che non ne vale la pena, ed e’ tutto costruito come uno specchietto per le allodole, sfruttando il malcontento di altri paesi e quindi incrementando l’affluenza di stranieri, che portano sempre soldoni. Attualmente le assunzioni sono l’esatta copia del Ns vecchio contratto a progetto italiano, ti possono lasciare a casa quando vogliono, quindi attenti, perche’ sono artisti nel farti promesse contornate da tanti sorrisi, e poi all’ultimo giorno del vs visto ti salutano. Potrei andare avanti ore ed ore, elencando ogni singolo aspetto, e mi sentirei sempre rispondere che e’ la mia personale esperienza, il mio personale punto di vista, pur continuando a parlare di numeri e fatti evidenti, e non di vita dura in farm, che puo’ essere per qualcuno e no per altri (sulle farm ci sono storie vere che hanno dell’incredibile). E’ quasi due anni che mi sento dire ” comunque in italia si sta peggio”, ed io continuo a rispondere che in italia io lavoravo, avevo l’auto, avevo la moto, e mi facevo le vacanze, qua devo stare attento anche a comprare il pane, perche 6 panini (probabilmente fatti in laboratorio) costano 4 dollari almeno, e dopo un giorno nella busta di plastica fanno la muffa, un rent minimo in Perth e’ di 180 dollari a settimana (se sei fortunato), per singola persona in una singola stanza, e sei costretto a vivere (nel migliore dei casi) con qualcuno che non si lava, si ubriaca 3 volte a settimana, e lavora 3 giorni su 5, perche’ gli altri 2 restanti e’ in hangover… sperando di non essere una ragazza, perche’ in quel caso sei vittima di molestie (seppur leggere) ma continue dal proprietario di casa, nel 90% dei casi. L’australiano medio e’ sporco, ha problemi di alcool, non vuole lavorare, e’ schiavo del consumismo, non ha uno minimo di cultura, non si informa, e la sua massima aspirazione e’ andare a bali a scopare. Comunque, se proprio vogliamo darle il colpo di grazia, in pochi sanno che l’australia e’ il paese piu’ penalizzato nell’utilizzo del chimico nell’agricoltura, ed e’ considerato un paese del terzo mondo, in via di sviluppo, basta vedere l’allarme giardia nell’acqua pubblica (in Africa hanno risolto il problema anni fa), e sapete cosa mettono nell’acqua? Il cloro, che contro i batteri serve al 30%, e contro la giardia non fa assolutamente niente (batterio che riesce a sopravvivere fino ad alte temperature), in soldoni, depurazione INESISTENTE. Sara’ un caso che 6 bottiglie di acqua costano 12 dollari???? Basta lavarsi con l’acqua che esce dai rubinetti australiani per prenderlo, e proprio quando pensate che non lo avete preso, in un momento dove il vs sistema immunitario e’ un po’ piu’ stanco del solito, vi ritrovate in dissenteria per 3 settimane. Mi sembra doveroso specificare che non sto accusando nessuno, quindi ancor meno l’autore del post e-o del Blog, semplicemente questa e’ l’australia che ho visto e toccato, quindi se effettivamente ha dei lati positivi (oltre al clima e l’aria pulita) saro’ il primo ad alzare la mano e votare pro. L’educazione e’ sempre una cosa importante, grazie Francesca per il tuo augurio, anche a Te-Voi, per la Vs ricerca personale in giro per il mondo.

  3. LauraG says:

    Bravissima Francesca!!!!!
    Sempre la migliore! Questo post è uno dei migliori secondo me! Sarà che sono molto interessata alla storia dell’Australia e che ho sempre voluto visitare Perth (ma non ho mai avuto l’occasione di farlo, purtroppo) ma veramente ti è riuscito benissimo! Perché non fai più post sulla storia dell’Australia e dei suoi punti principali? Sarebbe interessantissimo!!
    Sono interessantissimi i progetti che si dovranno attuare!
    Domanda personale: perché hai detto che probabilmente non resterai a Perth? Progetti futuri? Da quello che hai scritto sembrava proprio di sì!!

    1. Immigrata allo Sbaraglio says:

      Ciao Laura, grazie infinite! Sono contenta che l’articolo ti sia piaciuto!
      Non posso fare troppi articoli sulla storia australiana perché la verità è che non sono quelli che interessano di più ai lettori. Diciamo che devo dosarli :-)
      In futuro ne farò altri comunque, no worries!
      Ho scritto che probabilmente non resterò a Perth perché sia mio marito che io abbiamo voglia di vivere in diversi luoghi, città, parti del mondo. Non escludo quindi che nel futuro ci sposteremo ancora ;-)

      1. Andrea says:

        Vi consiglio vivamente di cominciare dai paesi demilitarizzati, sempre piu’ in forte crescita nel mondo…

        Uno stupido con due premi nobel per l’economia, dice che sono le ultime spiagge disponibil per il ns futuro. Entro 20 anni solo l’oblio.

        1. Immigrata allo Sbaraglio says:

          Mamma mia…tra 20 l’oblio spero proprio di no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *